DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA: PROGETTO PER RIFORMARE LA SOCIETA’ (3) – Le Encicliche sociali. Il percorso storico della Dottrina Sociale (prima parte)

By 15 Novembre 2020Pillole di saggezza

Nella scorsa lezione abbiamo evidenziato che la finalità della Dottrina Sociale della Chiesa è salvaguardare la centralità e la dignità incondizionata di ogni uomo, perseguendo il Bene Comune supportato da tre colonne: solidarietà, sussidiarietà e partecipazione. Oggi, mediante un percorso storico, conosceremo sinteticamente i Papi che hanno offerto i maggiori contributi alla Dottrina Sociale e il contenuto delle Encicliche denominate “sociali”. È ovviamente impossibile in poche righe rendere conto della ricchezza e della complessità di un’enciclica per cui evidenzieremo sinteticamente i punti più importanti.

Sono dieci.

Rerum Novarum di Papa Leone XIII

Quadragesimo Anno di Papa Pio XI

Mater et Magistra di Papa Giovanni XXIII

Pacem in terris di Papa Giovanni XXIII

Populorum Progressio di Papa Paolo VI

-Octogesima Adveniens di Papa Paolo VI

Laborem Exercens di Papa Giovanni Paolo II

Sollecitudo Rei Socialis di Papa Giovanni Paolo II

Centesimus Annus di Papa Giovanni Paolo II

Caritas in Veritate di Papa Benedetto XVI

 Encicliche sociali: Rerum Novarum

 Leone XIII: il Papa dei lavoratori

Leone XIII, al secolo Gioacchino Pecci, fu papa dal 1878 al 1903 ed è il pontefice che intuì che tra i compiti della Chiesa rientrasse anche l’attività pastorale nel settore socio-politico. Eletto in tempi rapidissimi (2 giorni) ci si attendeva da lui un avvicinarsi tra la Chiesa e la società moderna. Molti erano i problemi che lo attendevano: dall’irrisolta “Questione Romana” con lo Stato Italiano alla soluzione dei conflitti con vari Paesi lasciati aperti dal pontificato di papa Pio IX; dalla reazione al liberalismo laicista che si proponeva di secolarizzare la società al pericolo che racchiudeva la Massoneria; dalla difesa della famiglia alle minacce che rappresentava il socialismo. Per quanto riguarda i rapporti della Chiesa con il Regno d’Italia non conseguì nessun risultato, anzi il rifiuto di riconoscere il nuovo Stato provocò il congelamento di ogni relazione.

Il campo d’intervento più importante del suo pontificato fu quello sociale con l’enciclica “Rerum Novarum che costituì il fondamento teorico della Dottrina Sociale. Un’enciclica sollecitata dal fermento del mondo cattolico anche in politica, in particolare dall’ “Opera dei congressi”, un’associazione fondata con la finalità di diffondere la consapevolezza che se anche il cattolico non partecipava attivamente alla vita politica non doveva disinteressarsi delle questioni sociali ed economiche. L’enciclica nacque anche dall’esperienza di Leone XIII nunzio in Belgio, dove osservò il mondo operaio e le problematiche che ruotavano attorno ad esso: dalla giovane età dei lavoratori ai turni massacranti della durata di quattordici ore il giorno; dall’assenza del giorno settimanale di riposo all’inadeguatezza dei salari. Da ultimo ricordiamo l’importanza che Leone XIII attribuì al “concetto di libertà” come fondamento della dignità della persona. Libertà nel praticare la propria religione (cfr. Enciclica: Immortale Dei); libertà come via alla verità (cfr. Enciclica: Libertas).

 Rerum Novarum

La Rerum Novarum («Delle cose nuove») fu promulgata il 15 maggio 1891 ed è divisa in quattro parti: Confutazione della tesi socialista dell’abolizione della proprietà privata; L’insegnamento e l’azione della Chiesa; Il ruolo dello Stato; Le associazioni operaie.

Alcuni temi.

L’ Enciclica affronta in generale il conflitto tra “capitale” e “lavoro” nel tempo delle prime rivoluzioni industriali, e più in particolare la questione operaia che ha due protagonisti: i padroni e i lavoratori costretti a subire incresciose situazioni essendo privi dei diritti fondamentali tra cui la partecipazione alle associazioni sindacali. Il Pontefice si propone come finalità l’indicare delle vie per costruire un ordine sociale fondato sulla giustizia e sull’umanità.

Pur condannando sia il “socialismo collettivista” che si proponeva di accrescere nei poveri l’odio per i ricchi sia il “liberalismo individualistico” essendo privo di fondamenti morali, affermò “il diritto di proprietà privata” ma ordinando l’uso dei beni posseduti al bene comune, riferendosi alla concezione tomistica della proprietà. “L’uomo – sosteneva Tommaso d’Aquino – non deve possedere i beni esteriori come propri, ma come comuni: in maniera che ciascuno metta a disposizione le cose secondo la necessità degli altri” (S. Th. I-II, q. 66, a. 2). La Rerum Novarum si prefiggeva inoltre di sconfiggere la lotta di classe puntando sul giusto salario, sul mutamento delle condizioni di lavoro dei ragazzi e delle donne, sul riposo domenicale.

Offre, infine, dei suggerimenti anche allo Stato affinché approfondisca la questione operaria e indichi delle modalità per riformare le condizioni economiche e sociali dei lavoratori. “Ora, essendo assurdo provvedere ad una parte di cittadini e trascurare l’altra, è stretto dovere dello Stato prendersi la dovuta cura del benessere degli operai; non facendolo si offende la giustizia” (27). “Il ceto dei ricchi, forte per sé stesso, abbisogna meno della pubblica difesa; i miseri ceti popolari, che mancano di sostegno proprio, hanno speciale necessità di trovarlo nel patrocinio dello Stato. Perciò agli operai, che sono nel numero dei deboli e dei bisognosi, lo Stato deve di preferenza rivolgere le cure e le provvidenze sue” (29). Ovviamente, anche gli operai, hanno dei doveri derivanti dal patto stabilito con il datore di lavoro. Il Papa, inoltre, s’ interroga sul rapporto capitale-lavoro che non può proseguire in uno stato di conflitto ma deve poggiarsi sulla solidarietà. Infine non dimentica l’importanza delle associazioni sindacali operaie cattoliche che hanno il compito di facilitare e di favorire le relazioni con i datori di lavoro.

Dunque, la Rerum Novarum, consolidò la posizione di quei cattolici che avevano compreso che era giunto il momento per la Chiesa di pronunciare parole forti e autorevoli sulle questioni sociali. A seguito dell’Enciclica nascono anche le prime forme di sussidiarietà che si esprimono nello spirito cooperativo; un esempio sono le Casse Rurali.

Riassumendo, possiamo affermare che la Rerum Novarum elencò una serie di errori che accrescono le disparità nella società, escluse il socialismo come possibile soluzione ed espose la dottrina della Chiesa “sul lavoro, il diritto alla proprietà, il principio della collaborazione delle classi come mezzo fondamentale per il mutamento sociale, il diritto del debole, la dignità del povero e gli obblighi del ricco, il perfezionamento della giustizia attraverso la carità e il diritto di formare associazioni professionali” (Congregazione per l’Educazione Cattolica, Linee Guida per lo Studio e l’Insegnamento della Dottrina Sociale della Chiesa nella Formazione dei Preti, Poliglotta Vaticana, pg. 24).

La Rerum Novarum costituirà il riferimento per i vari Papi che proseguiranno e attualizzeranno le varie riflessioni prevalentemente in occasione degli anniversari della sua pubblicazione.

Pio X: il Papa che combatte il modernismo

Pio X, Giuseppe Sarto, fu papa dal 1903 al 1914. E’ questo un periodo caratterizzato dalla nascita dei nazionalismi, dall’accentuazione della collisione tra la fede e la scienza, dal sorgere del modernismo che proponeva rinnovamento e riforme nei vari settori societari e culturali per adeguarli alle prospettive “moderne”. Quindi, anche la Chiesa, avrebbe dovuto  aggiornare la sua Dottrina aprendosi alla filosofia moderna e alle teorie positiviste. Il Papa lo combatte strenuamente prima con il Decreto “Lamentabili sane exitu” del 3 luglio 1907 e, inseguito, con l’Enciclica “Pascendi domini grecis”, orientando la difesa della dottrina al motto del suo pontificato: “Instaurare omnia in Christo”. Infine, non possiamo scordare le preoccupazioni del pontefice nei confronti della Russia, dove Lenin assumeva influenza e potere.

Nei suoi anni di pontificato, Pio X pur non ampliando la Dottrina Sociale, sollecita la riorganizzazione del movimento dei cattolici italiani ponendo attenzione, tra l’altro, al movimento sindacale, particolarmente al “sindacato bianco”, percepito a volte con diffidenza anche nella Chiesa.

Animato da un considerevole zelo pastorale operò molteplici riforme. A livello liturgico, rivedendo la Messa, consentì una più attiva partecipazione dei fedeli, venne rinnovato il Breviario e il canto gregoriano subì delle modifiche. Diffuse, inoltre, il culto dell’Eucarestia e anticipò l’età della prima comunione. A livello formativo, predispose un nuovo Catechismo da lui stesso predicato ogni domenica, famoso per la struttura in domande e risposte semplici, sintetiche ma inequivocabili che per molti decenni fu il riferimento dei cristiani. Rinnovò anche la ratio studiorum dei futuri sacerdoti. A livello strutturale riformò la Curia Romana, approvò la redazione del Codice di Diritto Canonico, avviò la pubblicazione degli Acta Apostolicae Sedis.

Benedetto XV: il Papa contro “l’inutile strage”

Benedetto XV, Giacomo della Chiesa, fu papa dal 1914 al 1922 e la sua fotografia più ricorrente trasmette, anche oggi, l’espressione preoccupata di un Papa eletto immediatamente dopo l’avvio del primo conflitto mondiale. Già l’8 settembre 1914 espresse la condanna della guerra che ripeterà con espressioni, per certi versi apocalittiche, nell’ Enciclica “Ad Beatissimi”. Intensa fu la sua attività diplomatica desiderosa di porsi a servizio delle trattative di pace, individuandone i presupposti come possiamo notare da una sua Nota dell’1 agosto 1917. Costatando vani tutti i suoi tentativi di indurre le parti a pronunciarsi per la pace, Benedetto XV si aprì alla missione della carità nelle opere di soccorso a beneficio dei combattenti, dei profughi, dei feriti e dei prigionieri.

Benedetto XVI assistette anche a notevoli cambiamenti politici e geografici che toccavano da vicino la Chiesa cattolica, riassunti dallo storico Andrea Riccardi. “Con la rivoluzione di ottobre e la fine della prima guerra mondiale l’oriente europeo cambiava profondamente. I confini dell’antico impero zarista si erano ritirati con la nascita della nuova Polonia e degli Stati baltici. La dissoluzione dell’impero multinazionale degli Asburgo dava luogo a nuovi Stati. Le vicende politiche dell’Est non si giocavano più tra Vienna, Mosca e Berlino; bisognava stabilire un rapporto diretto con le nuove capitali e i nuovi governi. Tutto mutava e non solo da un punto di vista territoriale. Negli antichi territori russi si stabiliva un sistema sociale, politico ed economico inedito nella storia europea con cui la Chiesa cattolica doveva misurarsi” (Antisovietismo e ostpolitik della Santa Sede da Benedetto XV a Paolo VI, in M. Guasco – A. Melloni, Un diplomatico vaticano fra dopoguerra e dialogo. Mons. Mario Cagna, Il Mulino, pg. 123).

Encicliche sociali: Quadragesimo Anno

 Pio XI, il Papa della “Pace di Cristo nel Regno di Cristo”

Pio XI, Achille Ratti, fu Papa dal 1922 al 1939 e attorno al suo motto “Pax Christi in Regno Christi” si collegano tutte le iniziative che caratterizzarono il suo Pontificato: la “Pace” nella libertà e il “Regno” nell’apostolato.

Era sempre presente coraggiosamente, quando la pace istaurata da Cristo “in terra” non era sostenuta da “uomini di buona volontà” o era minacciata da regimi politici atei che oltre privare le popolazioni della libertà, subordinavano la persona allo Stato. Indicative sono le tre lettere encicliche della quaresima del 1937. “Mit brennender Sorge” (Con viva preoccupazione) (14 marzo) redatta in tedesco per la bruciante preoccupazione nei confronti della Chiesa di Germania dove imperavano i metodi totalitari del nazionalsocialismo, del razzismo e dell’ antisemitismo. “Divini Redemptoria” (19 marzo) denunciò il comunismo che spogliava l’uomo della libertà e del principio spirituale togliendo alla persona ogni dignità. “Firmissimam constantiam” (28 marzo) scritta nella loro lingua (“Nos es muy conocida”) era diretta ai messicani, vittime di un feroce totalitarismo statale. Il loro generale Plutarco Elias Calles amava dichiarare che il governo può e deve entrare nelle coscienze e prenderne possesso.

L’altra caratteristica del suo Pontificato fu la diffusione del “Regno di Cristo”. Per questo si compiaceva di essere indicato come il “Papa delle missioni”, poiché alla propagazione della fede dedicò un’intensa attività. Fu una guida sicura e un condottiero energico, tenace nel lavoro e nello studio, persona di ampia cultura aperta al progresso scientifico, sacerdote di profonda e sobria pietà.

Per favorire “la pace di Cristo”, che è anche concordia sociale che nasce da intese e da trattative, il pontificato di Pio XI è caratterizzato da una rigogliosa fioritura concordataria: undici concordati e tre accordi. D’interesse per noi è il Concordato con il Regno d’Italia firmato l’11 febbraio 1929 ponendo fine a una lancinante situazione che durava dal 1870. Nel 1931, a quarant’anni dalla Rerum Novarum e con il mondo immerso nella “Grande Depressione” causata dal crollo di Wall Street a seguito della sovra-produzione, della catastrofica speculazione borsistica e da mutamenti economici che influivano pesantemente l’ordine sociale, Pio XI scrisse l’enciclica sociale “Quadragesimo Anno”.

Quadragesimo anno

La Quadragesimo Anno (“Quarant’anni dopo” dalla Rerum Novarum) fu promulgata il 15 maggio 1931 ed è divisa in tre parti: I frutti dell’enciclica Rerum Novarum; L’insegnamento sociale ed economico della Chiesa; Le profonde trasformazioni economiche avvenute dopo l’epoca di Leone XIII.

L’ Enciclica è il secondo grande pilastro dell’insegnamento pontificio moderno in materia sociale, passando dalla questione operaia evidenziata da Leone XIII a quella socio-economica, dove si sostiene come errore fatale la separazione dell’etica dall’ economia, ciò che purtroppo avviene anche oggi avendo appreso poco dagli errori del passato. Quando un sistema economico idolatra il denaro e umilia la persona, gli uomini e le donne sono trasformati in strumenti di quella logica definita da papa Francesco “dello scarto” che genera profondi squilibri.

Esaminiamo le tre parti dell’Enciclica.

Nella prima parte il Pontefice riflettendo sui positivi frutti della Rerum Novarum evidenzia nuovamente il ruolo delle associazioni e dei sindacati a fianco dei lavoratori. Auspica quindi che “i lavoratori cristiani stringano tra loro associazioni secondo la varietà dei mestieri” (31) e incoraggia i sindacati cattolici poiché in mancanza di questi “i cattolici sono costretti ad iscriversi a sindacati neutri” (35).

Nella seconda parte sono trattati molteplici temi. Il diritto di proprietà (cfr. 44-52) riconosciuto legittimo ma non un bene assoluto; il rapporto tra capitale e lavoro (cfr. 53-60); l’innalzamento del proletariato e l’accesso alla proprietà (cfr. 61-64) e, infine, il giusto salario (cfr. 65-76). Per quanto riguarda il “giusto salario” indica tre criteri: il sostentamento del lavoratore e della sua famiglia; la situazione  dell’azienda e il bene comune. In questi tre parametri è presente il tema  della “cogestione” cioè il coinvolgimento dei lavoratori nella gestione, nei programmi produttivi e anche nei profitti dell’impresa. Questa prospettiva, ovviamente, richiama molteplici argomenti tra cui la responsabilità d’impresa che riprenderemo nei prossimi capitoli. Interessante invece è l’intuizione, attuale anche oggi, dell’inserimento del dipendente nel sistema di lavoro da protagonista, cioè partecipe e responsabile.

Le conseguenze della crisi del 1929 non furono solo economiche, ma riguardarono anche la politica che incrementò l’intervento pubblico, quindi l’ingerenza dello Stato nella vita economica e nella tutela sociale, tentazione anche odierna. Afferma il Papa: “si è quasi estinta l’antica ricca forma di vita sociale, svoltasi un tempo mediante un complesso di associazioni diverse; ora restano di fronte quasi soli gli individui e lo Stato” (79). Da qui l’importanza del principio di sussidiarietà. “È vero certamente e ben dimostrato dalla storia, che, per la mutazione delle circostanze, molte cose non si possono più compiere se non da grandi associazioni, laddove prima venivano eseguite anche dalle piccole. Ma deve tuttavia restare saldo un principio importantissimo della filosofia sociale. Non è lecito togliere agli individui ciò che essi possono compiere con le forze e l’industria propria per affidarlo alla comunità, così è ingiusto rimettere ad una maggiore e più alta società quello che le minori e inferiori comunità possono fare. Ed è questo insieme un grave danno e uno sconvolgimento del retto ordine della società; perché l’oggetto naturale di qualsiasi intervento della società stessa è quello di aiutare in maniera suppletiva le membra del corpo sociale, non già distruggerle ed assorbirle” (80).

Nella terza parte Pio XI si addentra nelle profonde trasformazioni avvenute dopo l’epoca di Leone XIII in particolare il potere egemonico assunto dal capitale con le sue funeste conseguenze motivate dalla “sete insaziabile di ricchezze e di beni temporali” (132). Afferma il Papa: “I facili guadagni, che l’anarchia del mercato apre a tutti, allettano moltissimi allo scambio e alla vendita, e costoro unicamente agognando di fare guadagni pronti e con minima fatica, con la sfrenata speculazione fanno salire e abbassano i prezzi secondo il capriccio e l’avidità loro, con tanta frequenza, che mandano fallite tutte le sagge previsioni dei produttori” (132). Propone quindi come soluzione la cristianizzazione della vita economica (cfr.135), il recupero dei costumi morali (cfr. 137) e la legge della carità (cfr.138).  In questa parte è presente, inoltre, il totale rifiuto del comunismo e forti critiche al socialismo chiarendo che “socialismo religioso e socialismo cristiano sono termini contraddittori: nessuno può essere buon cattolico ad un tempo e vero socialista” (120).

Pio XII: Uomo di pace, papa di guerra

Pio XII, Eugenio Pacelli, fu Papa dal 1939 al 1958. Lasciamo al cardinale Domenico Tardini, suo stretto collaboratore dal 1939 come Sostituto Segretario di Stato e dal 1944 Pro-Segretario una breve descrizione di papa Pacelli. “Quando Eugenio Pacelli fu assunto al supremo Pontificato, circolò la voce (forse una di quelle ciarle che girano sempre in certi momenti) che alcuni Eminentissimi si erano, da principio, mostrati un po’ restii a dargli il voto perché, considerando la minacciosa situazione internazionale, osservavano: ‘Il cardinale Pacelli è un Uomo di pace e il mondo ha ora bisogno di un Papa di guerra’. Umanamente parlando, il giudizio era esatto. Eugenio Pacelli era veramente un uomo di pace; la finezza dei suoi sentimenti, la sua innata gentilezza, la sua mitezza indulgente lo portavano a vincere le difficoltà con la pazienza e la perseveranza, evitando parole forti, frasi aspre, gesti bruschi. Tutto questo lo disponeva ad amare, desiderare e procurare la pace. Eppure proprio a quest’uomo, pacifico per temperamento, per educazione, per convinzione, toccò un pontificato che potremmo chiamare di guerra. Calda o fredda, mondiale o locale, ma sempre guerra. Accettò dal Signore la sua croce pesante: soffrì, soccorse, parlò e agì” (Pio XII, Tipografia Vaticana, pp. 37-38).

Per il nostro discorso è importante il verbo “parlare”, poiché Pio XII non scrisse encicliche sociali ma ne parlò attraverso i radiomessaggi avendo compreso, concretando il suo motto “Non nova sed noviter” (tradotto letteralmente, significa “presentazione nuova”) che non erano necessarie cose nuove ma “forme nuove”; ad esempio, il rinnovamento del linguaggio, vecchio e inadeguato alle mutate situazioni della società. Accenni alla Dottrina sociale sono presenti in vari radiomessaggi trattando della persona umana come fondamento della vita sociale, soggetta di diritti inalienabili, inviolabili e universali. Interessanti sono il Radiomessaggio della Pentecoste del 1941 e quello natalizio del 1942. In quello del 1941, in occasione del 50° anniversario della Rerum Novarum, Pio XII s’intrattenne su tre argomenti: l’ utilizzo dei beni materiali, il lavoro e la famiglia. In quello del 1942 riguardante l’ordine interno delle nazioni, il Papa dichiarò che lo Stato non ha il compito di assicurare il bene delle persone ma unicamente il bene comune, cioè “quelle esterne condizioni, le quali sono necessarie all’insieme dei cittadini per lo sviluppo delle loro qualità e dei loro uffici, della loro vita materiale, intellettuale e religiosa”, riaffermando nuovamente il primato della persona sulla società che deve essere posta al centro delle istituzioni ma protetta da ogni invadenza compresa quella dello Stato. Ciò significa che uno statalismo esasperato, come è avvenuto nel passato, produce disumane e impietose burocrazie, inflessibili amministrazioni e un debito pubblico inarrestabile.

Encicliche sociali: Mater et Magistra e Pacem in Terris

 Giovanni XXIII: il Papa del Concilio e dell’Ostpolitik

Giovanni XXIII, Giuseppe Roncalli, fu Papa dal 1958 al 1963. Di Giovanni XXIII si potrebbe narrare molto quanto al carattere, alla bontà, alla santità e al cosiddetto “spirito profetico”. Aveva intuito, ad esempio, che era tempo di convocare un Concilio e ha aperto la Chiesa a nuovi traguardi con tutto quello che ne è seguito. Nell’Enciclica programmatica del 29 giugno 1959 “Ad Petri cathedram” annunciava il Concilio Ecumenico Vaticano II ed elencava i tre beni da promuovere e conseguire, secondo lo spirito cristiano, nella Chiesa e nel mondo: la verità, l’unità e la pace. Dunque, indisse e avviò il Concilio, ma purtroppo il tempo non gli concesse di ammirare i frutti della semina. I più anziani ricorderanno che il mondo e la sua coscienza furono scossi la sera del 3 giugno 1963 quando il cardinale Camerlengo annunziò la morte del Papa. Tutti avevano intuito la sincerità e la veridicità di quel pontefice, la sua preoccupazione per la famiglia umana esposta al pericolo di una rottura di quell’instabile equilibrio che dal 1945 si chiamava pace. E sul tema della pace ritornò due mesi prima della morte, l’11 aprile 1963 con l’enciclica “Pacem in Terris” indicando “a tutti gli uomini di buona volontà” il compito di ricomporre tutti i rapporti della convivenza umana nella verità, nella giustizia, nell’amore e nella libertà. Finiamo con un breve cenno all’ostpolitik che promosse a partire dall’aprile 1963 inviando monsignor Agostino Casaroli a Budapest a visitare il cardinale József Mindszenty rifugiato dal 1956 nell’ambasciata statunitense della capitale ungherese e a Praga a conoscere il cardinale Josef Beran che si trovava da anni agli arresti domiciliari. Ricorderà il Cardinale Casaroli che incontrerà, appena tornato dal viaggio, Giovanni XXIII già gravemente malato: “Il Papa appariva soddisfatto: con l’aiuto di Dio, era stato compiuto un passo importante che, alla fine del suo servizio alla Chiesa, aveva spianato la strada con un mondo tanto ostile” (Il martirio della pazienza, Einaudi, pg. 63). Un cammino lunghissimo che terminerà nel 1989 con la caduta del Muro di Berlino.

Mater et Magistra

La Mater et Magistra (la Chiesa, “Madre e Maestra”) fu promulgata da papa Giovanni XXIII il 15 maggio 1961, settant’anni dopo la Rerum Novarum ed è divisa in quattro parti: Insegnamenti dell’Enciclica Rerum Novarum e tempestivi sviluppi del Magistero di Pio XI e Pio XII; Precisazioni e sviluppi della Rerum Novarum; Nuovi aspetti della Questione Sociale; Ricomposizione dei rapporti della convivenza nella verità, nella giustizia e nell’amore.

Il Documento è proposto con una metodologia innovativa ponendo alla base tre termini: il “vedere” cioè l’osservare la storia, il “giudicare” ma alla luce della Parola di Dio e della Dottrina Sociale e infine l’ “agire, mentre le altre encicliche prima evidenziavano i principi, poi li declinavano nella storia. Inoltre, papa Giovanni XXIII, manifesta che questo insegnamento è rivolto dalla Chiesa, Madre e Maestra, non unicamente ai cristiani ma a “tutti gli uomini di buona volontà”. Un insegnamento, quello della Mater et Magistra, che abbraccia tutti i settori dove è avvertita l’esigenza della giustizia nella distribuzione dei beni, rammentando il dovere dei popoli sviluppati nei confronti di quelli sottosviluppati per generare un’equa ripartizione delle risorse. L’Enciclica, chiede inoltre, che il sistema economico non comprometta la dignità dei lavoratori. Per questo indica la preminenza del “lavoro” che è l’immediata espressione dell’uomo sul “capitale” che può trasformarsi in dannoso assumendo caratteristiche speculative. Il primato della persona e la sua priorità sulla società, pur rispettando l’esigenza profonda di socialità che caratterizza l’uomo, non devono mai essere trascurati e trovano un riferimento sostanziale nella comune paternità di Dio.

Tra i molti rilievi che potremmo indicare ne proponiamo due: l’attenzione al mondo agricolo e l’entità degli organismi rappresentativi.

Per quanto riguarda il settore agricolo, il Papa osserva preoccupato la riduzione dei lavoratori, poiché molti si rivolgono all’industria e al settore dei servizi dove intravvedono un tenore di vita più elevato e maggiori prospettive per l’avvenire. E passando dai principi teorici alle direttive pratiche l’Enciclica afferma che è “indispensabile che ci si adoperi, specialmente da parte dei poteri pubblici, perché negli ambienti agricolo-rurali abbiano sviluppo conveniente i servizi essenziali, quali: la viabilità, i trasporti, le comunicazioni, l’acqua potabile, l’abitazione, l’assistenza sanitaria, l’istruzione di base e l’istruzione professionale, condizioni idonee per la vita religiosa, i mezzi ricreativi; qualora tali servizi, che oggi sono elementi costitutivi di un tenore di vita dignitoso, facciano difetto negli ambienti agricolo-rurali” (114). Il Pontefice, inoltre, riscontra l’esigenza che nel campo agricolo si realizzino nuove tecniche produttive, rinnovate strutture aziendali e la collaborazione con gli altri settori societari.

Per quanto riguarda la rappresentanza, il Papa si augura che tutti i lavoratori possano “farsi sentire e ascoltare oltre l’ambito dei singoli organismi produttivi e a tutti i livelli” (132), compreso quello politico. Da qui l’incoraggiamento alle Associazioni professionali e ai movimenti sindacali di ispirazione cristiana, che pur tra mille difficoltà, operino coraggiosamente per perseguire gli interessi delle classi lavoratrici e la loro elevazione materiale e morale sia nell’ambito delle singole comunità politiche che a livello mondiale.

Pacem in terris

La Pacem in terris (“Pace sulla terra), fu promulgata da papa Giovanni XXIII l’11 aprile 1963 ed esorta gli “uomini di buona volontà” a leggere con sapienza, saggezza, realismo e ottimismo i “segni dei tempi”, cioè gli eventi di ogni giorno. E’ composta da cinque parti: L’ordine tra gli esseri umani; Rapporti tra gli esseri umani e poteri pubblici all’interno delle singole comunità politiche; Rapporti tra le comunità politiche; Rapporti degli esseri umani e delle comunità politiche con la comunità mondiale; Richiami pastorali.

Ma questo Documento vuole proclamare principalmente il primario ruolo della pace in un’epoca dominata dalla proliferazione nucleare; basti pensare all’ ottobre 1962 quando l’installazione di missili sovietici a Cuba portò il mondo a un passo dal conflitto nucleare.

La pace, che per il Pontefice può essere costruita nonostante le fosche nubi che attorniavano il mondo, è definita “un anelito profondo degli esseri umani di tutti i tempi”(1). Non è unicamente l’assenza di guerra ma l’insieme delle “relazioni positive” tra gli individui e tra le comunità sorrette da quattro pilastri: la verità, la giustizia, l’amore e la libertà (cfr. 18-19).

Costruire la pace, operare per la pace è compito di tutti convincendosi “che la pace non è tanto questione di strutture, quanto di persone. Strutture e procedure di pace – giuridiche, politiche ed economiche – sono certamente necessarie e fortunatamente sono spesso presenti” (9), ma occorre soprattutto operare per una cultura di pace che nasce “dalla vita di persone che coltivano nel proprio animo costanti atteggiamenti di pace” (9). Attenzione, però, che la pace può essere consolidata unicamente nel pieno rispetto dell’ordine naturale stabilito da Dio. La pace, dunque, per Giovanni XXIII non è un facile buonismo ma una difficile costruzione da realizzare in ogni ambito, da quelli individuali a quelli internazionali; per questo parlerà di un “disarmo integrale che investe anche gli spiriti” (61).

L’Enciclica insiste molto anche sui “diritti dell’uomo” e fa propria la “Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo” dell’ONU del 1948, dichiarando che “ogni essere umano è persona, cioè una natura dotata d’intelligenza e di volontà libera; e quindi è soggetto di diritti e di doveri che scaturiscono immediatamente e simultaneamente dalla sua stessa natura: diritti e doveri che sono perciò universali, inviolabili, inalienabili” (5). Quali diritti? I diritti all’esistenza, ad un tenore di vita dignitoso, alla sicurezza, all’assistenza in caso di malattia, di invalidità, di vedovanza, di vecchiaia, di disoccupazione… (cfr. 6). I diritti culturali a partire dall’’istruzione di base fino alla formazione tecnico-professionale (cfr. 7). Il diritto a poter onorare Dio che si rende concreto nella libertà religiosa (cfr. 8). Il diritto alla libertà di scelta del proprio stato di vita e alla parità di diritti e di doveri fra uomo e donna (cfr. 9). I diritti al lavoro e alla libera iniziativa in campo economico, specificando che il diritto alla proprietà privata “è intrinsecamente inerente a una funzione sociale” (10). I diritti di riunione e di associazione evidenziando la ricchezza dei corpi intermedi (cfr. 11). I diritti all’emigrazione e all’ immigrazione poiché ogni persona è membro della comunità mondiale (cfr. 12). Il diritto di cittadinanza attiva e di partecipazione alla vita pubblica “per recare un apporto personale all’attuazione del bene comune, alla sicurezza giuridica e, con ciò stesso, a una sfera concreta di diritti, protetta contro ogni arbitrario attacco” (13).

Ma, di pari passo con i diritti devono procedere i doveri e le responsabilità; solo così diritti saranno garantiti a tutti e diverranno i diritti di tutti (cfr. 14 e 15), poiché “coloro che, mentre rivendicano i propri diritti, dimenticano o non mettono nel debito rilievo i rispettivi doveri, corrono il pericolo di costruire con una mano e distruggere con l’altra” (15).

Don Gian Maria Comolli

(prima parte continua)

Le “pietre miliari” della Dottrina Sociale della Chiesa