11 maggio 2022

Prossimo aggiornamento: sabato 21 maggio 2022

Editoriale

» Archivio Editoriali

Mese di maggio. Riscopriamo la devozione alla Madonna

La maggioranza dei cristiani ama la Madonna, e seguendo delle modalità loro, sono convinti di essere a Lei devoti. Il mese di maggio la tradizione cattolica lo consacra alla Madre di Gesù. Quest’anno angosciati dal dramma della guerra lo vogliamo vivere più intensamente, pregarla più fortemente ma pure interrogarci più seriamente sulla venerazione che dovremmo alla Madonna per ottenere benefici dal suo Figlio.

L’autentica devozione alla Madonna

Chi è fondamentalmente devoto alla Madonna? Chi venera effettivamente e concretamente Maria?

 Chi accoglie attivamente il progetto che Dio ha stabilito per lui

Ognuno di noi non è “frutto del caso”, ma Dio afferma: “Prima che io ti avessi formato nel grembo di tua madre, io ti ho conosciuto; prima che tu uscissi dal suo grembo, io ti ho consacrato…”(Ger. 1,5). Ebbene, ad ogni uomo, il Creatore affida un progetto da realizzare con la sua vita; un disegno che possiamo anche chiamare “vocazione”.

Che cosa ha chiesto Dio alla Madonna? Di arricchire il mondo e la storia divenendo la madre del suo Figlio. E, questa vocazione, colmerà totalmente la vita di Maria, un’ esistenza intessuta di fatica, di difficoltà e di incomprensioni. Tutti noi abbiamo presente decine di quadri o di statue che ci mostrano la Madonna luminosa, lieta e appagata, invece leggendo il Vangelo notiamo che l’esistenza di Maria non fu “rose e fiori” ma densa di tribolazioni. Dovette partorire il figlio Gesù in un luogo povero e disagiato e immediatamente fuggire in Egitto poiché re Erode voleva uccidere il piccolo. Ascoltò attonita la profezia del vecchio Simeone nel Tempio di Gerusalemme: “E anche a te una spada trafiggerà l’anima”. Erano incomprensibili per lei le parole che il dodicenne Gesù, sempre nel tempio di Gerusalemme gli rivolse: “Perché mi cercavate? Non sapete che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?”. Fu rimproverata dal Figlio alle nozze di Cana dopo la richiesta a favore di quei sposi in difficoltà: “Che ho da fare con te, o donna? Non è ancora giunta la mia ora” come pure non la lasciò indifferente l’enigmatica frase: “Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli? Ecco mia madre ed ecco i miei fratelli; perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, questi è per me fratello, sorella e madre”. Ma, il momento più atroce, fu quello della passione e della morte del Figlio. Forse era in mezzo a quella folla che impazzita chiese a Pilato la liberazione di Barabba e la condanna di Gesù, seguì il Cristo sulla via del Calvario, stette sotto la croce per lunghe ore e, poi, la deposizione fra le sue braccia del corpo esamine del Figlio. E, tutti sappiamo, che la morte di uno di un figlio di qualsiasi età e in qualunque circostanza, è uno dei colpi più crudeli che la vita può infliggere a una madre. Ebbene, Maria, ha accolto e accettato tutto questo ben consapevole che essere la Madre del Redentore significava anche essere la Madre del Crocefisso. Dunque, essere autenticamente devoti della Madonna, significa sforzarsi, giorno dopo giorno, di ricopiare la sua stessa fiducia in Dio.

 Chi si pone con sollecitudine a servizio del prossimo

Maria, appena apprese che la cugina Elisabetta, ormai in età avanzata, era gravida, si recò da lei e “rimase con lei circa tre mesi”. La Madonna, agì senza incertezze anche se questo servizio comportava dei sacrifici dovuti alla distanza tra Nazaret ed Eri Karin, la città di Elisabetta, da percorrere in diversi giorni, probabilmente a piedi, in uno stato fisico precario dovuto anche alla sua gravidanza. Ebbene, la devozione alla Madonna è autentica, quando è testimoniata con servizi resi senza attendere alcun compenso né di carattere economico, né di prestigio, né di potere, ma unicamente nell’ottica del dono e della condivisione con gli altri di quello che si è e di quello che si ha. La gratuità, per essere tale, è accompagnata sempre dall’abnegazione, dal sacrificio e dalla rinuncia.

Chi guardando Gesù comprende il ruolo della Madonna di Madre e di Mediatrice

La devozione alla Madonna non può ridursi ad un semplice ossequio alla Vergine offuscando la centralità del Cristo che è l’ unico degno della nostra adorazione, come consigliò Maria ai servi prima del miracolo di Cana: “Fate tutto quello che vi dirà Gesù”. Se la ascoltiamo, anche a noi ripeterà la stessa raccomandazione: “Fate come vi dice Gesù…”. Infatti, a Cana, associando alla certezza di essere esaudita I’estrema prudenza della domanda, chiese al Figlio una soluzione, senza avvalersi del suo ascendente materno per imporre al Cristo  la decisione che Lui adotterà.

Da quel giorno, Maria Santissima, è la mediatrice tra il Signore Gesù e gli uomini possedendo un potere straordinario sul cuore del Figlio. San Bernardo riassunse questa mediazione affermando: “Dio ha voluto che noi avessimo tutto per mezzo di Maria”. Papa Leone XIII, nell’enciclica “Jucunda semper expectatione”“ (8 settembre 1894), riprese il concetto: “Tutta la grazia comunicata al mondo attuale segue questo triplice e ordinatissimo processo; da Dio a Cristo, da Cristo a Maria, da Maria a noi” (n.27). E il Concilio Vaticano II ne spiegò la motivazione: “Con la sua materna carità Maria si prende cura dei fratelli del Figlio suo ancora peregrinante e posti in mezzo ai pericoli e affanni, fino a che non siano condotti nella patria beata. Per questo la beata Vergine è invocata dalla Chiesa con i titoli di Avvocata, Ausiliatrice, Soccorritrice, Mediatrice” (LG n. 42).

Concludendo

Da quanto affermato comprendiamo che “l’autentica devozione a Maria” non può limitarsi a cantarne le sue lodi, ad accendere una candela o compiere un pellegrinaggio, ma si concretizza nel rispondere al progetto che Dio ha riservato per ciascuno di noi sia a livello personale che professionale e nel mettersi gratuitamente e liberamente al servizio del prossimo.

Anche noi, rinnovando la nostra devozione a Maria, affidiamoci sempre alla Vergine affinchè interceda presso il Figlio, convinti come proclamò san Bernardo nel Canto XXXIII del Paradiso della Divina Commedia: “Vergine Madre, figlia del tuo figlio, umile e alta più che creatura, termine fisso d’eterno consiglio […]. Donna, se’ tanto grande e tanto vali, che qual vuol grazia e a te non ricorre, sua disianza vuol volar sanz’ali”. E, uno strumento, che non può mancare è il rosario, certi che “non c’è nessun problema, non importa quanto difficile, che non possiamo risolvere con il Rosario” (Venerabile Serva di Dio Suor Lucia di Fatima).

Don Gian Maria Comolli

Divina Commedia: un itinerario verso la felicità

Abbiamo terminato il viaggio nella Divina Commedia che ci ha accompagnato per mesi. Siamo giunti al Canto 33 del Paradiso, l’ultimo che ci presenta la preghiera di San Bernardo alla Vergine e la successiva visione di Dio, Trinità e Incarnazione.

PARADISO – Canto 33

La visione di Dio

GUARDA IL VIDEO DEL XXX CANTO

PREGHIERA DI SAN BERNARDO ALLA VERGINE MARIA (VIDEO)

ARCHIVIO VIDEO PRECEDENTI

 

CORONAVIRUS

Visita l’archivio Coronavirus. Oltre 500 articoli, video, testimonianze…sempre aggiornati

 

Negli USA l’aborto potrebbe subire forti limitazioni; a quando in Italia?

Negli Usa, dove i movimenti pro-vita sono rilevanti e consistenti, significativa è la manifestazione a favore della vita che si svolge ogni anno a Washington con la partecipazione di migliaia di persone, la Corte Suprema Federale potrebbe ribaltare a breve la sentenza “Roe v Wade” del 22 gennaio 1973 che dichiarò legale l’aborto, in ogni sua forma e in tutti gli Stati americani. Recentemente la Corte Suprema dopo un’ accurato riesame della sentenza ha messo in dubbio la validità della stessa non ritenendo l’aborto un diritto legale, quindi consentito, ed entro alcune settimane sarà riesaminata dando molto probabilmente la possibilità a ogni Stato di approvare una sua normativa. Normative a favore della vita negli Stati a guida repubblicana, ben sapendo che questo partito a partire da Trump è contrario all’aborto e normative filoabortiste la vita in quelli democratici capeggiati da Biden  che intende blindare l’aborto attraverso una legge del Congresso che faccia rientrare dalla finestra ciò che la Corte Suprema sta cacciando dall’uscio.

Non sappiamo quale sarà il verdetto della Corte Suprema ma una cosa è certa. Quello che sta accadendo nel Paese più liberal del mondo non può non avere contraccolpi pure in Italia dove l’aborto è un diritto incontentestabile,  una verità indiscutibile, un argomento sul quale è impossibile qualsiasi riflessione anche se supportate dalle evidenze scientifiche e dalla ragione. E così, nel nostro Paese. dal 1978 ad oggi sono stati uccisi 6.833.000 futuri bambini.

MANIFESTAZIONE NAZIONALE A FAVORE DELLA VITA

“NO” all’ EUTANASIA e al SUICIDIO ASSISTITO

 

Dossier – #NO EUTANASIA #NO  SUICIDIO  ASSISTITO #SI CURE PALLIATIVE

 

Leggi il libro: “EUTANASIA. Se la conosci la combatti. Dall’ideologia al reale”

Guerra Russia-Ucraina. La narrazione ufficiale non convince

CLICCA PER APPROFONDIRE 1  

CLICCA PER APPROFONDIRE 2

 

IL “CONTATORE” DEGLI ABORTI

Controlla in tempo reale il numero degli aborti nel mondo dal 1 gennaio 2022

Oggi siamo a 15.205.114

VERIFICA IL CONTATORE

Con che coraggio chi è favorevole all’aborto prega Dio per ottenere il dono della pace o manifesta per la pace?

Video della settimana

1 gennaio 2018 – 31 marzo 2022: 1.481.310

marzo 2022: 48.256

 

IL LIBRO DELLA SETTIMANA

CLICCA PER CONOSCERE IL LIBRO

Indice dei LIBRI CONSIGLIATI

 

IL FILM DELLA SETTIMANA

 

CLICCA PER CONOSCERE IL FILM

Il nostro ARCHIVIO

Twitter di Papa Francesco

#Mentre nel mondo aumentano le tensioni e le guerre, i nuovi Santi ispirino vie di dialogo, specialmente nei cuori e nelle menti di quanti ricoprono incarichi di grande responsabilità e sono chiamati a essere protagonisti di #pace e non di guerra#

#Di fronte alla pazzia della guerra, continuiamo, per favore, a pregare ogni giorno il Rosario per la pace. E preghiamo per i responsabili delle Nazioni, perché non perdano “il fiuto della gente”, che vuole la pace e sa bene che le armi non la portano, mai#

Il tuo quotidiano online

 GUERRA IN UCRAINA

Visita l’archivio della guerra in Ucraina

OPINIONI

 INTERVISTE

ESTERI

VARIE

PAPA FRANCESCO

VARIE

Gender & Dintorni

» Archivio Notizie Gender

FAMIGLIA

SCUOLA

ADOLESCENTI/GIOVANI

   COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

Vari articoli riportati in questa Rassegna Stampa sono presi da: www.moked.it dove ogni giorno potrete trovare un’ampia e accurata Rassegna. Altri li riportiamo da vari giornali on-line. Noi, ne scegliamo alcuni per questo Sito, totalmente gratuito e privo di pubblicità, per facilitare il visitatore ad informarsi su argomenti che riteniamo non possano non essere conosciuti e approfonditi.

PREGA CON NOI

Per venire incontro a chi desida partecipare alla Messa ma è impossibilitato, la Chiesa del Centro Sant’Ambrogio di Cernusco sul Naviglio offre ora la possibilità di seguire la diretta live.

-Giorni feriali: ore 7.00  Santa Messa

-Giovedì: ore 17.00 Santa Messa

-Giorni festivi: ore 10.00 Santa Messa

SEGUI LA CELEBRAZIONE

Pillola di Saggezza Settimanale