Rassegna stampa settimanale

L’eco della stampa spesso taciuta

Aggiornamento il venerdì
(ultimo aggiornamento 15 giugno 2018)

La legge NON E’ UGUALE per tutti. Il caso dei sindaci disubbidienti

In Italia, ormai da mesi, stiamo assistendo a un fenomeno preoccupante: il pessimo esempio che alcuni giudici e certi sindaci stanno offrendo ai cittadini trasgredendo la legge. Ci riferiamo alla “stepchil adoption” non prevista dalla normativa riguardante le Unioni Civili. Vogliamo trattare il tema con il massimo rispetto nei confronti della sensibilità delle persone coinvolte ma contemporaneamente non possiamo tacere le  inopportune iniziative delle autorità investite del potere di far rispettare la legge quando con le loro decisioni palesemente la violano.

Prima i giudici con sentenze assai “creative”, poi certi sindaci hanno riconosciuto la “doppia genitorialità omosessuale” con la trascrizione nelle anagrafi comunali di bambini nati in queste “formazioni sociali” (così chiamate dalla legge Cirinnà), a volte anche mediante la disgustosa pratica dell’utero in affitto. Inoltre, le richieste di queste “formazioni sociali”, contrastano con il principio costituzionale che riconosce come genitori solo la coppia formata da un uomo e una donna.

E, il fenomeno decollato a Torino, ha contagiato molti sindaci di piccoli e di grandi comuni, Milano compreso.

Alcuni effetti di queste decisioni.

Perdita di credibilità e di autorevolezza del “ruolo del sindaco”.

Il sindaco è depositario di una responsabilità sia etica che giuridica superiore a tutti gli altri cittadini essendo investito di un potere pubblico in ordine al bene comune. Perciò  dovrebbe essere “un faro” credibile e autorevole, oltre che un esempio nell’osservanza delle leggi dello Stato, consapevole che i provvedimenti di un’amministrazione comunale non possono porsi in contrasto con i principi costituzionali e le norme vigenti. A questi sindaci fautori di atti di ammutinamento e di disobbedienza civile, l’ammonimento di san Francesco di Sales: “Un grammo di esempio vale più di un quintale di parole”.

Stimola i comportamenti illegali dei cittadini.

Alcuni cittadini potrebbero essere indotti ad imitare il “primo cittadino” con un ragionamento molto semplice e anche logico: “se il sindaco trasgredisce la legge perché non possiamo farlo anche noi?”. E più in generale. Nelle aule dei tribunali capeggia la scritta: “La legge è uguale per tutti”, ma da questi “tutti” i sindaci disobbedienti sembrano esclusi.

Intervento dello Stato (fino ad ora assente).

E’ compito del Ministro degli Interni mediante i Prefetti verificare che i sindaci facciano rispettare Costituzione e Leggi. Di conseguenza, quando l’osservanza della legge viene meno in modo consapevole, il sindaco dovrebbe essere oggetto di sanzione oltre che obbligato a risarcire il danno provocato all’immagine della città. Inoltre, la tenuta dei registri di stato civile è di competenza dello Stato; di conseguenza, l’intervento dei prefetti, è assolutamente legittimo. Come mai questa latitanza dello Stato?

Queste prese di posizione dei sindaci disobbedienti rivestono una chiara valenza ideologica, rifiutano le basi della vita democratica, minano ulteriormente la debole affidabilità dello Stato, aprono la strada all’anarchia.

Sindaci “disobbedienti” siate consapevoli dei danni che perpetuate alla collettività!

Don Gian Maria Comolli

Twitter giornalieri di Papa Francesco

#La scelta di seguire Cristo favorisce l’edificazione di una società più giusta, più fraterna, più umana secondo il cuore di Dio#(19 giugno  2018)

SUSSIDIO PASTORALE PER MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE

NOVITÀ EDITORIALE

COMPENDIO DI PASTORALE DELLA SALUTE. Tutto esordisce con il Vangelo

“L’ampio lavoro di don Gian Maria Comolli, molto accurato, profondo e aggiornato sui ‘fondamentali’ della pastorale sanitaria, si presenta a noi come uno strumento davvero importante per sacerdoti e operatori del mondo della salute. Infatti, lungo le pagine del volume vengono toccati non solo tutti i temi che un operatore della pastorale in tale ambito deve conoscere ma vengono illustrate anche le questioni rilevanti del nostro tempo che stanno, per molti aspetti, caratterizzando in modo diverso sia il concetto di salute che il lavoro pastorale”.  (Dalla prefazione di monsignor P. Martinelli).

Data di uscita: Maggio 2018; Pagine: 400; Costo: Euro 25,00; Editore: Editoriale Romani
Per maggiori informazioni – Link: SALUTE

REPORT VISITE

  • Gennaio – Maggio 2018: 39.604
  • Giugno 2018 10.624
  • 19 Giugno 2018: 534

Pillola di Saggezza Settimanale