25 ottobre 2020

Prossimo aggiornamento sabato 31 ottobre 2020

Editoriale

Solo la “sussidiarietà circolare” ci salverà

L’Italia è precipitata nuovamente nel dramma della pandemia trovandoci ora quasi nella situazione dello scorso marzo ma con una aggravante in più. A marzo siamo stati sorpresi da un improvviso e violentissimo tsunami e tutti, dal governo centrale alle regioni, hanno messo delle “pezze” ad una situazione che sembrava inarrestabile. Oggi il contesto è totalmente differente poiché eravamo pienamente consapevoli da mesi che una “seconda ondata” si sarebbe potuta verificare ma i nostri governanti (centrali e locali) hanno fatto poco o quasi nulla non solo per prevenirla ma per affrontarla con il dovuto costrutto. Da mesi si discute della problematicità dei trasporti pubblici, di potenziare sia la medicina ospedaliera che quella territoriale, dell’indispensabilità della scuola in presenza, dell’importanza del vaccino antiinfluenzale, dell’essenzialità dei tracciamenti… Ma come ricorda Mina Pavone in una sua canzone abbiamo udito soltanto: “Parole, parole, parole, soltanto parole…” non accompagnate da fatti! Non volendo annoiarvi, il mio parere lo esprimo intersecando il giudizio di un filosofo e di un santo. Il filosofo Seneca realisticamente affermava che “errare humanum est” («commettere errori è umano»), san Bernardo da Chiaravalle ammoniva però che “perseverare autem diabolicum” («perseverare [nell’errore] è diabolico»). Infatti l’errore impone la correzione per non nuovamente replicarlo.

L’ “errore replicato” oltre che infondere nei cittadini nuove ansie, paure e angosce che spesso si trasformano in paranoie, procurerà un’altra micidiale spallata all’economia del nostro Paese già fragilissima. Se a ciò associamo la totale assenza di progettualità del Governo e della Maggioranza giallo-rossa ci troviamo a convivere con una poderosa bomba pronta ad esplodere in pochissimo tempo, e i segnali dell’imminenza di questa letale deflagrazione si moltiplicano ogni giorno. Gli episodi di violenza verificatesi a Napoli dovrebbero togliere il sonno a questi inetti politici. Ha affermato il 17 ottobre monsignor Giampaolo Crepaldi, arcivescovo di Trieste e già coordinatore del Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa intervenendo alla “III° Giornata della Dottrina Sociale della Chiesa” tenutasi a Lonigo. “Non c’è dubbio che l’attuale pandemia da Covid/19 abbia avuto e avrà importanti ripercussioni sull’economia. Credo che, nel marasma delle informazioni che ci arrivano a questo proposito, due elementi possano essere ritenuti certi. Il primo è che l’impatto sull’economia reale delle imprese e delle famiglie sarà molto pesante. Attualmente gli effetti sono tenuti a freno da misure artificiali, ma ciò non può durare a lungo. Il secondo è che ci sono molti centri di potere politico e finanziario che intendono usufruire della pandemia per riorganizzare, in un senso che non può lasciarci tranquilli, l’economia mondiale. L’economia in questo momento è quindi preda di ideologie e la stessa pandemia viene gestita ideologicamente”.

In questa realtà molto complessa si inserisce anche il “delirio di onnipotenza” di un Governo, che oltre essere inconcludente, non intende dialogare e confrontarsi sulle decisioni più idonee da assumere per la ricostruzione del Paese. Eccellenti contributi di saggi professionisti non mancano ma si scontrano contro un “muro di gomma”. Nell’articolo evidenzieremo un’idea poco conosciuta, definita di sussidiarietà circolare, promossa principalmente dal professor Stefano Zamagni economista, docente universitario, ex presidente dell’Agenzia per il Terzo Settore e attualmente presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali.

Sussidiarietà

Il termine “sussidiarietà” è un vocabolo importante nella Dottrina Sociale della Chiesa  ma poco sviluppato nel nostro Paese. Fu collocato nella Carta Costituzione solo nel 2001 con gli articoli 118 e 119 approvati a seguito della riforma del Titolo V, mentre nell’ Unione Europea fu introdotto nel 1992 con il Trattato di Maastricht assumendo una doppia valenza. Quella di raccomandazione agli Stati affinché sia attuato nei singoli Paesi e quello di metodologia della stessa UE che si propone di intervenire nelle politiche delle nazioni unicamente quando queste non realizzano gli obiettivi comunitari.

Cos’è la sussidiarietà? Affermò il 1 maggio 1981 san Giovanni Paolo II: “Una società di ordine superiore non deve interferire nella vita interna di una società di ordine inferiore, privandola delle sue competenze, ma deve piuttosto sostenerla in caso di necessità e aiutarla a coordinare la sua azione con quella delle altre componenti sociali, in vista del bene comune” (Enciclica Centesimus Annus n.48). Ma già decine di anni prima, precisamente nel 1931, papa Pio XI ammonì: “il solo mantenimento di questo livello di ordine gerarchico renderà l’azione dello stato più prospera e più forte sarà la potenza sociale” (Enciclica Quadragesimo Anno n. 81). Dunque, la sussidiarietà, sollecita i singoli gruppi della società civile a promuovere interventi per il Bene Comune con il supporto, esempio economico, dello  Stato.

 Sussidiarietà circolare

Tre sono le caratteristiche della sussidiarietà.

Verticale

E’ il decentramento da parte dello Stato di alcune competenze che trasferisce alle Regioni, Provincie, Comuni che a loro volta affidano a singoli Enti.

Orizzontale

E’ il favorire soggetti della società civile nella gestione di alcuni servizi, però nell’ottica della ausiliarità e compensività.

Circolare

E’ “l’alleanza” tra i tre soggetti primari della società civile: quello pubblico, quello imprenditoriale e quello privato sociale con la finalità di “progettare assieme” e su un piano di parità i vari interventi. La “modalità circolare” nacque alla metà del 1.200 con la scuola francescana, in particolare con un saggio di San Bonaventura da Bagnoregio, docente di filosofia alla Sorbona di Parigi, che evidenziava i benefici per il Bene Comune derivanti dal costante dialogo e dalla condivisione della governace tra principi, mercanti (gli imprenditori moderni) e confraternite (la società civile). Dunque, alla base della sussidiarietà circolare sta il presupposto che Stato, Mercato e Privato Sociale (o No Profit) “operino assieme”, superando la supremazia degli uni sugli altri, intraprendendo la via della “reciprocità” anche acquisendo, come ricorda Zamagni, delle “quote di sovranità”.

Perché lo Stato dovrebbe condividere questa innovativa metodologia? Per due motivi che approfondiremo inseguito: l’incapacità di gestire uno statalismo e una burocrazia fuori controllo ma soprattutto per l’impossibilità nel futuro di poter offrire servizi a tutti i cittadini nell’ottica dell’universalismo.

Stato e sussidiarietà circolare

Dalla sua nascita l’Italia si è sempre più statalizzata e burocratizzata, e oggi lo Stato si propone il “grande padrone” di orwelliana memoria. Un percorso, come ricordato da monsignor Crepaldi che si è velocizzato negli ultimi mesi: “La debolezza della popolazione, l’allarme sociale spesso indotto e l’isolamento alimentano un bisogno di protezione che offre allo statalismo uno spazio inatteso. Lo Stato centrale non sta dando grandi risposte alle problematiche sanitarie e a quelle sociali che ne conseguono, eppure casi come l’Italia, oltre a tanti altri, testimoniano questi processi di riaccentramento”, ed io aggiungo, neppure tanto mascherati dalla maggioranza giallo-rossa. Esempio emblematico fu l’aiuto alle scuole paritarie bloccato dal M5S. Il centralismo statalistico ha prodotto nei decenni impersonali, disumane e impietose burocrazie con le quali tutti qualche volta abbiamo dovuto entrare in contatto, oltre che inflessibili amministrazioni come dimostra la storia riportata nel post. E come scordare il debito pubblico che negli ultimi anni ha raggiunto livelli da terrore?

Ebbene, lo Stato e i suoi rappresentanti di ogni livello (dal governo ai sindaci) devono, se vogliono onorare il Bene Comune, “fare un passo indietro” rinunciando all’ambiziosa convinzione di detenere poteri assoluti e all’autoreferenzialità giustificata, dicono loro, dalla legittimazione popolare, conservando invece come  ricordava Pio XI, il ruolo di impulso, di stimolo, di coordinamento, di sorveglianza e di vigilanza. La parità, richiesta dalla sussidiarietà circolare, gioverebbe ai cittadini che avrebbero come interlocutore uno Stato che liberato da onerose e gravose gestioni potrebbe occuparsi totalmente a sviluppare coerenza e unità, oltre che esercitare il ruolo di garante nei confronti dei bisogni dei singoli affinché tutti giungano ad uno sviluppo umano integrale.

Inoltre, questo percorso, scioglierebbe un’altra criticità. Il “pubblico” possiede risorse in progressiva diminuzione rischiando nel futuro di non più rispondere alle varie esigenze nell’ottica dell’universalismo. Quando si afferma che “mancano le risorse” ci si riferisce prevalentemente a quelle pubbliche non alle private che ci sono, ma nessuno ha mai attinto ad esse con progettualità per incanalarle alla fornitura di servizi di welfare.

Impresa e sussidiarietà circolare

Il privato, intraprendendo un’attività investe capitali, assume il rischio d’impresa, imposta la produzione favorendo gli interventi che offrono il massimo profitto, prevalentemente a breve termine, aderendo alle leggi del mercato. Ciò è legittimo e  eticamente corretto, ma di fronte all’attuale situazione le strategie miranti unicamente ed esclusivamente al profitto a breve termine pongono notevoli perplessità poiché l’oggi richiede molto di più; il comprendere che l’imprenditorialità umana deve precede l’imprenditorialità economica se desideriamo che abbia un futuro. Questo è “sano realismo”, poiché se la prospettiva prossima sarà quella della povertà generale che comporta un arresto o una drastica riduzione dei consumi, anche il profitto, non solo di breve termine ma anche a lungo termine, non reggerà.  Ecco perché anche il settore dell’impresa, nell’ottica della solidarietà orizzontale, deve fare la propria parte affinché i cittadini riacquistino nuovamente l’opportunità e la fattibilità di “spendere”. Di conseguenza, il welfare community, riguarda anche loro, oltrepassando quello che già molti attuano, il welfare aziendale.

E’ teorico o utopistico immaginare che gli imprenditori facciano loro questa visione di sostenibilità, di solidarietà e di sussidiarietà? Un esempio virtuoso, e non è l’unico, fu offerto dall’accordo raggiunto in Argentina nell’agosto 2020 tra Stato e imprenditori, in un Paese che rischiava il terzo default in vent’anni. Ebbene, in extremis, le imprese accettarono di trattare con il governo per ristrutturare 65 miliardi del debito. Il tutto – si legge nel comunicato – “senza aumentare l’importo totale dei pagamenti di capitale o degli interessi”. Questa visione innovativa può nascere unicamente da una trasformazione culturale dal momento che gli insegnamenti delle cosiddette Business School sono paradigmi superati che non funzionano in questa nuova epoca storica dove il profitto dovrà intersecarsi con la virtù.

Terminiamo smontando un’insignificante tesi dell’attuale Maggioranza parlamentare che reputando il Mercato un nemico da combattere, anela al ritorno di un onnipotente statalismo, scordandone gli storici fallimenti. Il loro cavallo di battaglia è l’inaffidabilità del Mercato scordando che spesso anche il pubblico è irresponsabile. Ad esempio, si parla molto della fallimentare gestione del Ponte Morandi di Genova da parte del gruppo Benetton che portò alla sua caduta per omessa manutenzione ma contemporaneamente si scorda il crollo, l’8 aprile 2020, del Ponte di Albiano (MS) sul fiume Magra al confine con la provincia della Spezia che non provocò vittime unicamente essendo il traffico ridotto dal lockdown. Era controllato non dal privato ma da un ente statale: l’Anas.

No-profit (o Terzo Settore) e sussidiarietà circolare

Il termine “no-profi” significa “non per profitto” o “senza fine di lucro”, ed indica lo stile degli enti di natura giuridica privata costituiti da dipendenti o da volontari o da entrambi. Circa 336.000 con oltre un milione di lavoratori, che possiedono come peculiarità il dono, cioè la “solidarietà” definita dall’economista Giminello Alvi: “un vero atto economico almeno quanto il tornaconto per il mercato”. Inoltre, non scordiamo, che in questi enti è assente la “logica mercenaria”, non distribuendo gli eventuali “utili” ma reinvestendoli nell’attività o in progetti sociali. Le loro attività hanno finalità prevalentemente di carattere socio-sanitario, educativo, culturale o riguardano l’integrazione societaria delle fasce più deboli della popolazione. Sono gestiste da Enti, Fondazioni, Cooperative Sociali, ONG e da migliaia di associazioni di volontariato. Per la loro competenza, celerità e sollecitudine, oltre che per una profonda conoscenza delle esigenze del territorio, rispondono alle necessità dei cittadini in modo migliore, più professionale e a costi minori rispetto alle strutture statali. Purtroppo, fino a oggi, non sono stati adeguatamente valorizzati dallo Stato ma solo “sopportati” o “sfruttati”. Pensiamo alle scuole paritarie minimamente supportate e agevolate, di conseguenza impossibilitate ad attuare l’inclusione che sognano e desiderano. Rimanendo nell’ambito scolastico sono fonti di notevoli risparmi per la collettività e ciò oggi non guasta. Il costo per alunno, grazie a una gestione oculata, quasi pignola, richiede un onere inferiore fino al 40% rispetto al pubblico.

La sussidiarietà circolare sollecita i corpi intermedi a compiere un salto di qualità, rifiutando mansioni di “operatori sociali” o il produrre beni e servizi che né lo Stato né il mercato hanno interesse a realizzare. Esige inoltre la loro valorizzazione e la partecipazione alla collettività dell’enorme potenzialità che posseggono.

Da queste brevi osservazioni abbiamo compreso che la “sussidiarietà circolare” è un formidabile strumento per affrontare “insieme” le sfide future. Chissà se il Presidente Conte se ne ricorderà quando dovrà progettare l’utilizzo degli ipotetici Ricovery Fund?

Don Gian Maria Comolli

 

Riflessioni e  aggiornamenti  sul Coronavirus 25 ottobre 2020

Visita anche ARCHIVIO CORONAVIRUS

 

Due riflessioni:  Mons. Camisasca e Mons. Crepaldi

Mons. Camisasca: «Vedo un’ansia irragionevole. Ne usciremo in misura della nostra fede»

Intervista al vescovo di Reggio Emilia: «Sul coronavirus si ascoltano i politici come bollettini di guerra. Dobbiamo aiutare la gente a guardare tutti i fattori della realtà. Dio non ci abbandona»  LEGGI L’INTERVISTA

Mons. Crepaldi – Statalismo, mondialismo, ecologismo: ideologie che uccidono l’uomo

La Dottrina sociale della Chiesa è il vero antidoto alle ideologie che oggi dominano le scelte economiche. Vale per la gestione della pandemia Covid, che ha dato impulso da una parte a un nuovo centralismo statalistico e dall’altra alla “società aperta”. Vale per l’ecologismo, ormai assurto a nuova religione, che produce ingiustizie e colpisce i poveri. Vale per la decrescita economica che ha tutte le caratteristiche di una pericolosa utopia, simile alle eresie pauperistiche dei secoli passati. Vale per il mondialismo, che è una deformazione del vero concetto di fraternità. Ecco i passaggi fondamentali dell’intervento dell’arcivescovo Giampaolo Crepaldi alla III Giornata della Dottrina sociale della Chiesa.  LEGGI L’INTERVENTO INTEGRALE

 

I “SANTI DELLA PORTA ACCANTO” vittime del Codiv 19

In questi mesi siamo venuti a conoscenza di “eroi” che per curare o stare accanto ai malati vittime di questa pandemia, hanno coscientemente messo il gioco la loro vita fino alla morte. Sono i MEDICI che pur sprovvisti di adeguate protezioni hanno assistito i malati, oppure pur essendo pensionati di fronte all’emergenza hanno indossato nuovamente il camice. Sono i SACERDOTI che per non abbandonare i loro parrocchiani non hanno temuto il contagio. Sono le RELIGIOSE e i RELIGIOSI che fedeli ai carismi dei loro fondatori hanno umanamente accompagnato alla morte molti. Sono gli INFERMIERI che pur sapendo il rischio hanno sacralizzato la loro professione. Sono i VOLONTARI che non hanno voluto privare i sofferenti della loro presenza.

Vogliamo conoscere meglio queste donne e questi uomini “maestri di vita”, osservare con commozione i loro volti, mostrargli la nostra immensa gratitudine e vivere un piccolo tratto della loro personalità, perché solo così non saranno morti invano. Unicamente così potremo affermare credibilmente: “Nulla sarà come prima”

 25 ottobre 2020

Dottor Francesco Foltrani

Il dottor Francesco Foltrani è morto per coronavirus il 20 marzo all’ospedale di Jesi, dove era ricoverato.

Laureandosi in medicina, aveva continuato la professione del padre, il dottor Aldo, indimenticabile medico di famiglia come il figlio che, molto stimato per la sua preparazione e apprezzato per le spiccate doti umane, svolgeva un intenso impegno nello studio nel centro medico cingolano dall’inizio dell’attività del complesso sanitario.

Aveva esercitato regolarmente in ambulatorio ed effettuando visite, fino a una quindicina di giorni fa. Sembra, ma non si è accertato, che sia stato in contatto anche con qualche ospite della casa di riposo. Poi, sentendosi indisposto, in volontaria quarantena era rimasto a casa, in uno stato febbrile con tosse. Peggiorando le condizioni respiratorie, si è aggravato, finché si è reso necessario il trasporto all’ospedale jesino.

CONOSCI ALTRI EROI

 

INDICE GENERALE DEL TESTO

CONOSCILO MEGLIO

ACQUISTALO

 

I NOSTRI POLITICI NON AMANO GLI ADOLESCENTI. IL CASO DELLA ELLEONE SENZA RICETTA MEDICA

Video della settimana

Volontariato

1 gennaio 2018 – 31 agosto 2020: 862.646

settembre 2020: 24.030

Twitter di Papa Francesco

#Chi non vive la gratuità fraterna fa della propria esistenza un commercio affannoso, sempre misurando quello che dà e quello che riceve in cambio. Dio, invece, dà gratis, fino al punto che «fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni»# (24 ottobre 2020)

Attualità

Editoriali & Opinioni

Interviste

Governo&Politica

Esteri

Varie

ARCHIVIO NOTIZIE ATTUALITA’

Sanità & Salute

Bioetica & Vita

Chiesa

Testimoni

Gender & Dintorni

Famiglia, Giovani, Scuola

Libertà Religiosa

Migranti

Cultura

Spiritualità

Web & Comunicazione

   COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

Vari articoli riportati in questa Rassegna Stampa sono presi da: www.moked.it dove ogni giorno potrete trovare un’ampia e accurata Rassegna. Altri li riportiamo da vari giornali on-line. Noi, ne scegliamo alcuni per questo Sito, totalmente gratuito e privo di pubblicità, per facilitare il visitatore ad informarsi su argomenti che riteniamo non possano non essere conosciuti e approfonditi.

IL LIBRO DELLA SETTIMANA

CONOSCILO MEGLIO

LA NOSTRA BIBLIOTECA

IL FILM DELLA SETTIMANA

CONOSCILO MEGLIO

ARCHIVIO DEI NOSTRI FILM

PREGA CON NOI

Per venire incontro a chi desida partecipare alla Messa ma è impossibilitato, la Chiesa del Centro Sant’Ambrogio di Cernusco sul Naviglio offre ora la possibilità di seguire la diretta live.

-Giorni feriali: ore 7.00 Lodi e Santa Messa

-Giorni festivi: ore 10.00 Santa Messa

SEGUI LA CELEBRAZIONE

 

Pillola di Saggezza Settimanale