Rassegna stampa settimanale

L’eco della stampa spesso taciuta

Prossimo aggiornamento sabato 21 luglio
(ultimo aggiornamento 17 luglio 2018)

 

Genova: attentato all’Obiezione di Coscienza

Il Tribunale di Genova ha condannato nei giorni scorsi il ginecologo dell’ospedale san Martino, Salvatore Felis, a nove mesi di carcere e altrettanti d’interdizione dai pubblici uffici poiché si era rifiutato, in quanto obiettore, di effettuare un’ecografia a una donna che si era sottoposta a un aborto farmacologico. La sentenza, chiaramente ideologica, suscita preoccupazione e getta ombre sulla “imparzialità” di quei giudici almeno per tre motivi.

Primo.

Immediatamente dopo il caso denunciato dalla donna che aveva abortito e che non subì nessun danno, la direzione dell’ospedale avviò un’indagine interna per verificare la correttezza del comportamento del dottor Felis determinando l’ “irreprensibilità dell’atteggiamento del medico”, attribuendo il disagio dell’ecografia a problemi organizzativi interni. I giudici hanno totalmente ignorato questo parere.

Secondo.

Il ginecologo optando per “l’obiezione di coscienza” ha unicamente usufruito di quanto previsto dalla legge 194/1978 all’articolo  9 che autorizza l’obiezione nei confronti di tutte le procedure riguardanti l’interruzione di gravidanza. Viene meno unicamente nel caso di necessità e di urgenza per proteggere la salute della donna. Situazione non riguardante questo caso. Anche questo diritto è stato totalmente ignorato.

Terzo.

I giudici di Genova, infine, condannando il dottor Felis hanno totalmente disatteso un diritto fondamentale dell’uomo, quello all’obiezione, previsto da molteplici Dichiarazioni internazionali e nazionali, in primis dalla nostra Costituzione. Un “diritto” che una Nazione dove vige la democrazia deve salvaguardare se intende distinguersi dai Paesi governati da dittature o da totalitarismi.

Mentre manifestiamo la nostra solidarietà al dottor Felis ci auguriamo che questa “indegna sentenza” sia annullata in appello poiché l’aria che si respira da un po’ di tempo è tutt’altro che salubre volendo il trasformare il delitto dell’aborto in un diritto senza nessuna clausola. E di tentativi in questa direzione ne conosciamo tanti. Altro che “discriminazione” dei medici non obiettori!

Don Gian Maria Comolli

Twitter giornalieri di Papa Francesco

#Prova a leggere il Vangelo almeno cinque minuti al giorno. Vedrai che ti cambia la vita#

SUSSIDIO PASTORALE PER MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE

NOVITÀ EDITORIALE

COMPENDIO DI PASTORALE DELLA SALUTE. Tutto esordisce con il Vangelo

“L’ampio lavoro di don Gian Maria Comolli, molto accurato, profondo e aggiornato sui ‘fondamentali’ della pastorale sanitaria, si presenta a noi come uno strumento davvero importante per sacerdoti e operatori del mondo della salute. Infatti, lungo le pagine del volume vengono toccati non solo tutti i temi che un operatore della pastorale in tale ambito deve conoscere ma vengono illustrate anche le questioni rilevanti del nostro tempo che stanno, per molti aspetti, caratterizzando in modo diverso sia il concetto di salute che il lavoro pastorale”.  (Dalla prefazione di monsignor P. Martinelli).

Data di uscita: Maggio 2018; Pagine: 400; Costo: Euro 25,00; Editore: Editoriale Romani
Per maggiori informazioni – Link: SALUTE

REPORT VISITE

  • Gennaio – Giugno 2018: 56661
  • Luglio 2018: 9.647
  • 18 luglio: 572

Pillola di Saggezza Settimanale