Rassegna stampa settimanale

L’eco della stampa spesso taciuta

Aggiornamento il venerdì
(ultimo aggiornamento 25 maggio 2018)

1978-2018 – Quarant’anni di aborti in Italia

Il 22 maggio 1978 il Parlamento approvò la “Legge 194”, la normativa che legittimò l’aborto anche nel nostro Paese. E, da quel giorno ad oggi in Italia sono stati “uccisi”, secondo i dati del Ministero della Salute, circa 6.000.000 di “futuri bambini”. In questo numero è esclusa l’abortività clandestina e quella provocata dalle “pillole abortive” (dal Norlevo alla ElleOne). Questa dolorosa legalizzazione mostrò che nei confronti di chi “non ha voce” poiché piccolo, debole, fragile e indifeso è “la forza che prevale sul diritto” e non viceversa. Abbiamo usato per determinare l’aborto il termine “uccisione”, poichè come ammonì san Giovanni Paolo II nel Messaggio per la XIII Giornata Mondiale per la Pace: Restaurare la verità significa innanzitutto chiamare con il loro nome gli atti di violenza, quali che siano le forme che assumono”, mentre la cultura attuale ci abbindola con vocaboli menzogneri e ingannevoli.

Essere “paladini della vita” è un dovere che ci interpella

E’ ingenuo e semplicistico limitarsi ad affermare che “la vita è sacra” e “non va soppressa”, poiché potremmo confrontarci con donne, sposate o non, che vivono angosciosi dilemmi, e per loro la gravidanza è motivo d’angustia e d’immensa sofferenza. Di conseguenza, occorre ergersi a paladini della vita, ponendosi a fianco delle madri in difficoltà per donargli l’amore e il coraggio per affrontare una gravidanza. Alle future mamme nell’angoscia, dato che quando si è gravide si perde, a volte,  il posto di lavoro, scarseggiano i soldi e forse non c’è neppure un uomo al proprio fianco, dobbiamo consigliare le istituzioni che le sosterranno e le assisteranno: i “Centri di Aiuto alla Vita”, i “Movimenti per la Vita”, i “Consultori Famigliari di ispirazione cattolica”. Ad esempio, in Italia, operano oltre 350 “Centri di Aiuto alla Vita” composti di 15mila volontari che, in 40 anni, hanno aiutato a nascere 190mila bambini. Il 78% delle donne soccorse aveva già ottenuto il certificato per abortire, ma l’incontro con questi enti e l’impegno dei volontari, hanno consentito loro di concludere serenamente la gravidanza. Noi possiamo contribuire offrendo del tempo come volontari, oppure economicamente “adottando” una mamma. Dobbiamo inoltre vigilare ed esigere che gli aspetti definiti “positivi” della Legge 194, cioè i “filtri” previsti, ma poco attuati siano rispettati e ampliati. Ciò dovrebbe svolgersi nei consultori pubblici. E’ loro obbligo “far superare le cause che potrebbero indurre la donna all’interruzione della gravidanza (art. 2). Costituiti come luoghi di accoglienza, di sostegno e di dissuasione, spesso si sono mutati in “fabbriche dell’aborto”, ammettendo ogni scusante della donna.

Aborto: dramma planetario

A.Socci, nel testo “Il genocidio censurato. Aborto: un miliardo di vittime innocenti” (Piemme 2006) sostiene nella IV° pagina di copertina che “il più grande genocidio del Novecento non è avvenuto in guerra, nei gulag o nei campi di sterminio” ma “è una strage di cui nessuno parla di oltre un miliardo di vittime innocenti dovute all’aborto”. Ma, questo fenomeno,  osserva amaramente Socci, “nonostante le sue colossali dimensioni, il più vasto olocausto della storia umana, è totalmente e sistematicamente rimosso da tutta la società contemporanea”.

La Santa Madre Teresa di Calcutta, nel 1979 dopo aver ricevuto il “Premio Nobel per la Pace”, ammonì i presenti: “Io sento che il più grande distruttore della pace oggi è l’aborto, perché è una guerra diretta, un’uccisione diretta, un omicidio commesso dalla madre stessa. Oggi il più grande distruttore della pace è l’aborto perché se una madre può uccidere il proprio bambino, cosa m’impedisce di uccidere te e a te di uccidere me? Nulla”. “Per favore non distruggete i bambini”!

Don Gian Maria Comolli

 

 

 

 

 

COMMENTI

TESTIMONIANZE

A PROPOSITO DELLA MARCIA PER LA VITA

Twitter giornalieri di Papa Francesco

#Il mistero della Trinità ci invita a vivere nella comunione, nell’amore e nella condivisione fraterna, certi che là dove c’è carità, c’è Dio# (27 maggio  2018)

SUSSIDIO PASTORALE PER MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE

NOVITÀ EDITORIALE

COMPENDIO DI PASTORALE DELLA SALUTE. Tutto esordisce con il Vangelo

“L’ampio lavoro di don Gian Maria Comolli, molto accurato, profondo e aggiornato sui ‘fondamentali’ della pastorale sanitaria, si presenta a noi come uno strumento davvero importante per sacerdoti e operatori del mondo della salute. Infatti, lungo le pagine del volume vengono toccati non solo tutti i temi che un operatore della pastorale in tale ambito deve conoscere ma vengono illustrate anche le questioni rilevanti del nostro tempo che stanno, per molti aspetti, caratterizzando in modo diverso sia il concetto di salute che il lavoro pastorale”.  (Dalla prefazione di monsignor P. Martinelli).

Data di uscita: Maggio 2018; Pagine: 400; Costo: Euro 25,00; Editore: Editoriale Romani
Per maggiori informazioni – Link: SALUTE

REPORT VISITE (Gennaio-Aprile 2018)

  • Gennaio 2018:  5.857
  • Febbraio 2018: 4.581
  • Marzo 2018:  8.533
  • Aprile 2018: 9.383
  • Totale: 28.344  (Media giornaliera 236)

Pillola di Saggezza Settimanale