Daily Archives

6 novembre 2018

La dignità si riconosce, non si concede. È anche reddito, ma più ancora rispetto

By | Attualità 2018

Gentile direttore, nel momento in cui scrivo non so quale forma prenderà la manovra finanziaria. Ma vorrei offrirle una riflessione un po’ diversa. Con il “reddito di cittadinanza” così come configurato e le sue spese “non immorali”, lo Stato interviene in uno spazio dove operano già molte associazioni di beneficenza e carità che forniscono a chi ne ha bisogno cibi, medicinali di base, vestiti e altri generi di prima necessità. Leggi

Annapaola e il suo calvario: Ragazze amatevi così come siete

By | Testimoni

Nel 2010, dopo una delusione d’amore. Avevo 16 anni e da sei anni ero fidanzata con un calciatore che giocava nell’Inter. Era una persona davvero importante per me. Per questo quando mi ha lasciato, ho iniziato ad avere tante insicurezze. Dopo di me lui si è messo con una donna che aveva un seno molto abbondante e allora io ho deciso di rifarmi il seno, pensando di riconquistarlo così. Avevo 22 anni. A pensarci ora, ero perfetta. Avevo un bel fisico, un seno piccolo ma tonico… Ma ho voluto fare quell’operazione andando anche contro al parere della mia famiglia che non era d’accordo.“ Leggi

Editoria, azzeramento Fondo per il pluralismo. Don Bianchi (Fisc): «Non toccherà i grandi giornali, ma spariranno le voci dal territorio»

By | Web e Comunicazione

Per don Adriano Bianchi, presidente della Fisc, «l’impatto sarebbe gravissimo. Le realtà editoriali più grandi e storicamente radicate, subirebbero un danno molto serio. Molte realtà non sopravviveranno». E sottolinea: «Il Fondo per il pluralismo garantisce che nel Paese ci siano voci diverse, anche quelle che esprimono i territori, le minoranze, le realtà più piccole. Fonti di informazione veramente legate ai cittadini, che raccontano quell’Italia che le persone vivono quotidianamente». Leggi

SINODO DEI GIOVANI 11 – Annunciate ai ragazzi la vita eterna!

By | Notizie Chiesa

Quello che ho ascoltato alle conferenze stampa del Sinodo mi fa pensare a quando una volta don Vincent Nagle, trovandosi davanti a una marea di ragazzi e parlando senza riuscire ad attirare la loro attenzione, si interruppe, fece silenzio, poi gridò: “Ragazzi, voi dovete morire”. Il brusio cessò e tutti si misero ad ascoltare (e poi, una volta che cominci ad ascoltare don Vincent, se lo fai entrare nel cuore, sei spacciato). Leggi