Daily Archives

20 giugno 2019

Pachistano, dichiaratosi migrante omosessuale, violenta due ragazzine

By | Migranti e povertà, Senza categoria

Un pachistano è stato arrestato, a Viterbo, lo scorso primo giugno, con l’accusa di violenza sessuale ai danni di due ragazzine di 11 e 13 anni. L’uomo aveva ricevuto regolare permesso di circolare sul territorio nazionale grazie a una decisione del tribunale di Firenze dal quale aveva chiesto e ottenuto l’autorizzazione, semplicemente dichiarandosi omosessuale. Leggi

Card. Sarah: “Migrazione di massa? Ecco cosa rischia l’Occidente…”

By | Migranti e povertà

“Ciascuno deve vivere nel suo paese. Come un albero, ciascuno ha il suo suolo, il suo ambiente in cui può crescere perfettamente”. Parole e musica del card. Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino, africano della Guinea, considerato da più parti un baluardo del millenario insegnamento della Chiesa cattolica da opporre a venti secolari che soffiano come una burrasca. La sua voce irrompe anche sul tema spinoso dell’immigrazione. Leggi

Zichichi: tutti coloro che hanno fatto grandi scoperte sono credenti

By | Cultura

Una vera e propria lectio magistralis in cui ha trovato spazio anche la fede. L’ha tenuta il professore Antonino Zichichi a San Miniato, provincia di Pisa, centro storico medioevale noto per essere uno dei paesi più fiorenti del distretto del cuoio toscano. In vista di questa nuova sfida che tocca, oggi, alla scienza, Zichichi ha sentenziato: «Tutti coloro che hanno fatto grandi scoperte sono credenti», come a sottolineare che c’è qualcosa di non prevedibile nelle scoperte, che sfugge alla dimensione umana e che può intercettare meglio un credente anziché un razionalista ateo più ingessato sul suo pensiero privo dell’esistenza di Dio. Leggi

Anche la sociologia conferma che gli atei non esistono

By | Cultura

Ma l’ateismo, in fondo, esiste veramente? E’ una domanda che sorge spontanea leggendo un recente studio internazionale dagli esiti sorprendenti. Stiamo parlando di Understanding Unbelief. Atheists and agnostics around the world, un rapporto di 24 pagine a cura di quattro ricercatori: Stephen Bullivant della St Mary’s University, Miguel Farias della Coventry University, Jonathan Lanman della Queen’s University Belfast e Lois Lee della Kent University. Basandosi su un campione complessivo di 6.600 persone, questi studiosi hanno deciso di esaminare le credenze di atei e agnostici in sei grandi nazioni quali gli Stati Uniti d’America, la Cina, il Brasile, il Giappone, il Regno Unito e la Danimarca. Ebbene, l’indagine che ha riservato davvero parecchie sorprese. Leggi

Il governo ha paura dei poveri?

By | Attualità 2018

Uno dei più devastanti pericoli che la cultura oggi corre è stato efficacemente descritto dallo scrittore inglese C.S. Lewis con l’espressione “chronological snobbery”, per significare l’accettazione acritica di quanto succede solo perché esso appartiene al trend intellettuale del presente. È questo il caso della aporofobia (letteralmente: disprezzo del povero), un atteggiamento, questo, in rapida diffusione nelle società dell’Occidente avanzato, che vede la condizione di povertà come qualcosa di connaturato alla natura umana oppure come una sorta di male necessario per consentire alla società di avanzare. Dallo spirito di compassione di un tempo si sta passando al disprezzo o, quando va bene, all’indifferenza.

Leggi